Papilloma virus (HPV)

Papilloma Virus HPV

Il virus del papilloma umano (HPV) può essere trasmesso per via sessuale e causare la formazione di condilomi, lesioni esterne contagiose sugli organi genitali. In presenza di lesioni a livello della pelle o dei genitali, è necessario rivolgersi ad un medico generico o specialista (Dermatologo, Ginecologo) che effettuerà la diagnosi tramite un esame clinico con osservazione delle lesioni ed eventuale biopsia per la caratterizzazione istologica e della presenza dell’HPV mediante test genico. Gli esami sierologici non forniscono informazioni rilevanti per la diagnosi. L’uso del profilattico riduce sensibilmente il rischio di trasmissione anche se non è in grado di prevenire il contatto con le parti non coperte (testicoli, regione peri-anale). Nelle donne, la vaccinazione anti-HPV può prevenire l’infezione e la comparsa di condilomi e andrebbe praticato nel periodo pre-pubere (entro i 12 anni) o comunque entro i 40 anni. Riguardo il sesso maschile si sottolinea che nonostante alcuni studi abbiano riportato che il vaccino anti-HPV tetravalente può conferire effetti di protezione (carcinoma intraepiteliale dell’ano, condilomi), non esistono specifiche indicazioni da parte del Ministero della Salute per la vaccinazione negli uomini.